Agricoltura relazionale

Si parte dal seme…!

Con agricoltura relazionale vogliamo sottolineare il valore della condivisione partendo dalla custodia dei semi.
È un percorso che mira di restituire al coltivatore la sua dignità e il suo riconoscimento.
I principi di un agricoltura sostenibile che fa ricerca e innovazione …

  • Include tutti i metodi agricoli con impiego di tecniche e pratiche agronomiche che escludano l’utilizzo della chimica di sintesi e di organismi tramite trasferimenti di geni da altre specie o mediante tecniche di “gene editing”.
  • E’ un’agricoltura basata sulla condivisione e sulla collaborazione, che vuole costruire,
    mettendo in relazione le persone e l’ambiente, una visione a 360° gradi.
  • Mette il coltivatore al centro della ricerca aiutandolo ad acquisire conoscenze e saperi, ridandogli la sua libertà di scelta. Partendo dalla custodia e dalla valorizzazione della biodiversità e tramite la costruzione di filiere corte o CSA (agricoltura supportata dalla comunità) , gestite principalmente in maniera locale, viene favorita la relazione tra coltivatore e acquirente creando fiducia reciproca.
  • Con il coinvolgimento attivo delle persone e con percorsi partecipativi e condivisi cerchiamo di creare comunità favorendo lo scambio di conoscenze e la capacità di collaborazione.
  • Promuove la creazione di percorsi collettivi che includano ogni singola persona – dal “ortolano” produttore fino all’ “acquirente” consumatore.